La Navigazione Laghi, nell’ottica di favorire l’accoglienza e la mobilità a bordo della propria flotta per i viaggiatori con disabilità ed a mobilità ridotta, ha avviato un ambizioso progetto atto ad individuare tutte le soluzioni per offrire loro un viaggio confortevole e piacevole, pur tenendo in considerazione gli inevitabili limiti strutturali e tecnici delle navi meno recenti. Sono oltre 18.000 i passeggeri con disabilità che nel 2017 hanno viaggiato a bordo dei battelli della Navigazione Laghi e questo dato rappresenta sicuramente un elemento positivo che dimostra la bontà del percorso già avviato dalla Gestione Laghi, ma può anche costituire un ulteriore stimolo per sviluppare soluzioni migliorative della qualità dei servizi erogati.

Nell’ambito delle normative previste a livello europeo dal Regolamento UE 1177/2010 e in particolare a mente dell’art. 14 Formazione e istruzioni, sono state avviate già dalla stagione 2017 alcune sessioni formative, tenute da parte di un’Associazione Onlus specializzata sul turismo accessibile, per tutto il personale di front office (personale di bordo) nonché per gli operatori addetti all’ufficio relazioni esterne. Durante tali corsi il personale è stato sensibilizzato alle varie tipologie di disabilità, formato sull’atteggiamento di approccio al cliente disabile e la possibile assistenza utile, fornendo altresì nozioni di base sull’utilizzo delle attrezzature di assistenza, con particolare riferimento alla carrozzina.


Sono state inoltre avviate importanti iniziative relative agli aspetti sotto elencati.

Ad oggi la maggioranza delle navi della flotta della Navigazione Laghi risulta facilmente accessibile.

L’imbarco a bordo, sempre assistito dal personale della Navigazione Laghi, viene effettuato mediante utilizzo di passerella, di larghezza minima di cm 80 con superficie antisdrucciolo ed a pendenza variabile in funzione del livello idrometrico del lago.

Le navi più recenti sono ampiamente fruibili e dotate di adeguati servizi accessori (toilettes, ascensori); per quelle più datate sono già in corso opportuni approfondimenti nonché l’implementazione di accorgimenti e soluzioni utili a garantire una migliore esperienza di viaggio per il passeggero in carrozzina.

Inoltre, per facilitare l’imbarco delle carrozzine – eventualmente anche in forma autonoma da parte del viaggiatore disabile che lo desiderasse – già dal 2016 le navi e i principali scali sono stati attrezzati con apposite rampe stepless, ovvero rampe maneggevoli e leggere che consentono di eliminare il gradino tra il pontile e la passerella.

Dalla stagione 2018, sui tabelloni orario e sui formati tascabili degli orari, sono stati progressivamente inseriti appositi simboli utili al fine di individuare le corse consigliate in quanto le più idonee al trasporto dei viaggiatori in carrozzina e facilitar loro l’organizzazione preventiva del viaggio, fermo restando che, per questioni legate alla sicurezza, l’imbarco potrebbe comunque essere limitato o escluso a giudizio del Comandante.

Successivamente all’imbarco, il viaggiatore in carrozzina che dovesse decidere di sedersi su uno dei sedili della nave, dovrà assicurarsi di posizionarla, chiusa (se possibile) e frenata, in luogo che non rechi intralcio all’equipaggio ed agli altri passeggeri.

Dalla primavera 2018 sono stati altresì affissi ed installati a bordo appositi adesivi e cappottine di rivestimento sedili attraverso i quali sono stati previsti dei “posti prioritari” di cortesia, per i viaggiatori a mobilità ridotta.

Infine, nell’ambito del progetto legato alla Gara ad evidenza pubblica GR 04/16, la Navigazione Laghi terrà in debita considerazione la possibilità di installare appositi pannelli informativi a messaggio variabile per i passeggeri ipoudenti o sordi.

Per i passeggeri ipovedenti e ciechi, a bordo di alcune navi è disponibile il sistema di filodiffusione sonora per indicare la fermata successiva di arrivo della nave.

Il passeggero cieco potrà sempre portare con sé il proprio cane gratuitamente.

Tutti i passeggeri, in caso di necessità, potranno richiedere assistenza al personale di equipaggio, che sarà a disposizione, nei limiti delle proprie funzioni e senza pregiudicare lo svolgimento delle mansioni affidategli per la sicurezza del trasporto di navigazione; l’assistenza per l’utilizzo dei servizi igienici potrà essere garantita limitatamente all’accompagnamento alla porta di ingresso.

Fermo restando quanto più sopra descritto relativamente all’ammissione al trasporto in termini di accessibilità della flotta, alla fruibilità dei servizi della nave e alle eventuali limitazioni all’imbarco che ciascun Comandante, a proprio giudizio potrebbe disporre per garantire la sicurezza del viaggiatore (es. lago mosso….), la Navigazione Laghi ha previsto particolari agevolazioni, da rilasciarsi dietro presentazione di idonea documentazione attestante i requisiti, dedicate ai viaggiatori disabili rientranti nelle seguenti casistiche:

  • Invalidi civili e del lavoro dal 70 al 100%, compresi i ciechi e sordi;
  • Persone con disabilità con connotazione di gravità (dal 70%)

Le concessioni consistono in:

  • ELIMINAZIONE DEL DIRITTO DI ESAZIONE in caso di emissione del biglietto a bordo
  • APPLICAZIONE TARIFFA RIDOTTA n° 1.50 per i biglietti di corsa semplice, n° 3.50 per le libere circolazioni (per il solo lago Maggiore: n° 2.50 per biglietti corsa semplice con fermate intermedie, n. 101, n. 102, n.551 e n. 552 per le tratte internazionali) al disabile di età superiore ai 12 anni*. I minori fino ai 12* anni non compiuti, debitamente accompagnati, potranno viaggiare gratuitamente.
  • GRATUITA’ PER L’ACCOMPAGNATORE (se previsto)

Le concessioni sopra riportate si applicano ai biglietti delle corse ordinarie di linea; per l’utilizzo del servizio rapido ciascun viaggiatore, fatta eccezione per l’accompagnatore di un ragazzo disabile di età inferiore ai 12 anni* non compiuti, è tenuto al pagamento del relativo supplemento a tariffa intera.

*Per le partenze dalla Svizzera l’età viene innalzata ad anni 16.

Tenuto conto della conformazione morfologica dei territori in cui la Navigazione svolge il proprio servizio, non tutti gli scali sono facilmente accessibili ai passeggeri disabili o PMR (es. Villa Carlotta, Blevio, Pognana, Santa Caterina….); al fine quindi di fornire un utile strumento informativo per l’organizzazione del viaggio da parte dei passeggeri in carrozzina e PMR, la Navigazione Laghi sta procedendo ad una ricognizione omogenea dell’accessibilità agli scali, che verrà riorganizzata in modo schematico e pubblicata nella presente sezione non appena disponibile.

Comunque le procedure di imbarco vengono sempre svolte con l’assistenza del personale della Navigazione Laghi, e sono effettuate mediante utilizzo di passerella, di larghezza minima di cm 80 con superficie antisdrucciolo ed a pendenza variabile in funzione del livello del lago.

Inoltre, nell’ambito del progetto legato alla Gara ad evidenza pubblica GR 04/16 di monitoraggio e localizzazione della flotta, è già stata prevista l’installazione, almeno presso i principali scali, di pannelli informativi a messaggio variabile, utili anche per le informazioni ai passeggeri ipoudenti o sordi.

Nell’ambito del Programma di Cooperazione INTERREG V-A Italia-Svizzera 2014-2020, la Gestione Governativa Navigazione Laghi partecipa al progetto SMISTO (Sviluppo della Mobilità Integrata e Sostenibile tra Ticino e Lombardia), che ha l’obiettivo di aumentare l’utilizzo del trasporto pubblico grazie ad una migliore accessibilità, integrazione e qualità dei servizi.

Nello specifico, la Gestione Governativa ha provveduto, a sua cura e mediante le risorse finanziarie rese disponibili dal progetto, a realizzare quanto segue:

  • percorsi e mappe tattili da installare presso alcuni scali del lago Maggiore e del lago di Como, al fine di favorire l’orientamento e la mobilità delle persone non vedenti e ipovedenti che utilizzano le predette strutture;
  • sessioni formative a favore del personale a contatto con il pubblico (in particolare personale di bordo e di terra) allo scopo di migliorare l’assistenza dei passeggeri con disabilità e a mobilità ridotta;
  • acquisto di carrozzine da mettere a disposizione del viaggiatore qualora il proprio ausilio venga danneggiato o subisca una rottura, al fine di consentire la prosecuzione del viaggio sino alla località di sbarco.

Il Capofila italiano del progetto è Regione Lombardia ed i Partner italiani sono la Gestione Governativa Navigazione Laghi e l’Agenzia del trasporto pubblico del bacino di Como, Lecco e Varese.

Il Capofila Svizzero è il Cantone Ticino ed i Partner svizzeri sono la Società Navigazione del Lago di Lugano e la Commissione regionale dei trasporti del Mendrisiotto e Basso Ceresio.

Il costo totale del progetto per la parte italiana ammonta ad €.1.689.667,24; il contributo pubblico è pari a € 1.689.667,24 di cui €.1.436.217,15 (pari all'85%) a valere sul FERS e € 253.450,09 (pari al 15%) a valere sul Fondo di Rotazione ex lege n.183/1987. Il costo del progetto per la parte svizzera ammonta a 994.952,00 CHF.

Il budget approvato a favore della Gestione Governativa ammonta a € 214.811,64.

Di seguito i link del Programma di Cooperazione INTERREG V-A Italia-Svizzera 2014-2020 e del progetto SMISTO.

https://interreg-italiasvizzera.eu/

https://progetti.interreg-italiasvizzera.eu/it/b/78/sviluppodellamobilitaintegrataesostenibiletraticinoelombardia

Per avere informazioni più dettagliate e consigli sulle navi più idonee, si invita a voler contattare ciascuna Direzione di Esercizio al numero verde 800/551801 oppure:

Lago Maggiore

0322/233200
infomaggiore@navigazionelaghi.it

Lago di Garda

030/9149511
infogarda@navigazionelaghi.it

Lago di Como

031/579211
infocomo@navigazionelaghi.it